Domande frequenti - Comune di Castegnato

IL COMUNE | Uffici Comunali | Pubblica Istruzione | Domande frequenti - Comune di Castegnato

 

 

Domande frequenti

 

I bambini che utilizzano la mensa disporranno di un badge o di qualche altro supporto magnetico?
No. I bambini saranno completamente sgravati dalle operazioni di rilevazione presenze.

 

Cosa faccio se perdo o dimentico il codice numerico personale di mio/a figlio/a?
Sarà sufficiente contattare l'ufficio Servizi scolastici del Comune  - tel. 0302146839.

 

Cosa faccio se, nel corso d’anno scolastico, vario i dati riportati nel modello di iscrizione del servizio mensa?
Qualsiasi variazione dei dati (anagrafici o relativi al menù) dichiarati ad inizio anno sul modulo di iscrizione al servizio mensa, vanno prontamente comunicati per iscritto all’ufficio Servizi scolastici del Comune di Castegnato al fine di provvedere all’aggiornamento dei dati contenuti nel programma di gestione School.Net.

 

Se mio/a figlio/a viene segnato in mensa e poi ha necessità di uscire da scuola, per motivi di salute o familiari, prima della pausa pranzo, perde l’importo del pasto ordinato e non usufruito o può recuperare il pasto?

Se la comunicazione di uscita anticipata viene effettuata entro l’orario massimo ed inderogabile delle ore 9,30 al centro cottura, l’importo del pasto non viene addebitato, diversamente il sistema decurterà l’importo del pasto anche se non è stato usufruito.

 

Quali sono i vantaggi di un sistema informatizzato?

Innanzitutto si riduce al minimo il margine di errore, poiché il sistema è molto semplificato rispetto al precedente ed è aggiornato in tempo reale, per cui il genitore può monitorare giornalmente la situazione del proprio figlio ed evitare che dopo lunghi periodi vengano richiesti solleciti senza che sia possibile effettuare un riscontro. Inoltre in questo modo si elimina una notevole quantità di carta e il genitore potrà utilizzare diversi sistemi di pagamento a propria discrezione e in funzione delle proprie necessità.

 

Quanto mi costa ogni acquisto di buoni virtuali?
Il servizio è completamente gratuito per l’utente, pertanto se si decide di versare, ad esempio, € 47,50 il sistema accrediterà in automatico lo stesso importo senza decurtare alcuna spesa.

 

Posso decidere quanto e quando versare o ci sono dei limiti?
La quota da versare e la periodicità resta a completa discrezione del genitore, per cui, si potrà ad esempio decidere di effettuare un consistente versamento all’inizio dell’anno scolastico in modo da coprire la quasi totalità dei pasti che si andranno a consumare, oppure si potrà decidere di effettuare piccoli versamenti con maggiore frequenza.

Se alla fine dell’anno scolastico mi resta un credito residuo non utilizzato, cosa devo fare?
L’importo residuo verrà caricato in automatico sull’anno scolastico venturo.

 

Come faccio a sapere quale tariffa devo pagare per singolo pasto?

Le tariffe per i servizi di Refezione, Prescuola e Trasporto alunni sono state approvate annualmente in Consiglio Comunale e rimandono legate, per quanto riguarda la richiesta di benefici tariffari, alla presentazione dell’attestazione ISEE.

 

In caso di mancata presentazione della dichiarazione ISEE verrà applicata la tariffa massima?
Si, pertanto se si crede di rientrare in una esenzione parziale o totale al servizio e di avere diritto a delle riduzioni, occorre esibire l’apposita attestazione ISEE in corso di validità. L’Ufficio Scolastico  provvederà al calcolo della tariffa in base alla fascia ISEE di riferimento.

 

Se nel corso dell’anno la mia situazione reddituale varia in modo tale da comportare una variazione della mia fascia ISEE, come posso fare?

Nel momento in cui si presentasse una variazione, occorrerà presentare il nuovo ISEE presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Castegnato; le modifiche verranno inserite nel sistema operativo e pertanto dal mese successivo alla data di presentazione verrà applicata la nuova tariffa.

 

Dove posso rivolgermi per effettuare la dichiarazione ISEE?
L’interessato deve recarsi ad uno dei CAF convenzionati, presso le sedi o agenzie INPS presenti sul territorio, per compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.S.U.) con i dati relativi alla propria situazione familiare. Attraverso un programma informatico gestito tramite INPS, l’incaricato rilascerà l’attestazione ISEE gratuitamente.

Una volta in possesso dell’attestazione ISEE, questa dovrà essere fatta pervenire all’Ufficio Protocollo. L’invio di tale attestazione vale come richiesta di agevolazione tariffaria, e non deve essere presentata altra domanda.

Si ricorda che la somma dei redditi percepiti non è il valore ISEE, (che in linea di massima si colloca tra 1/3 e 1/2 circa del reddito del nucleo familiare), ma questa è solo un’indicazione, poiché il valore ISEE dipende da molteplici fattori, non solo redditi, ma anche composizione del nucleo familiare, condizione lavorativa dei componenti, presenza nel nucleo di soggetti deboli, appartamento con mutuo o in locazione, etc.

Per altre informazioni è comunque possibile visitare il sito dell’INPS www.inps.it , dove è disponibile un programma di simulazione, attraverso il quale capire, in pratica, le modalità di compilazione ed il calcolo del proprio reddito, utilizzando i coefficienti ISEE.

Come vengono controllate le dichiarazioni?

La legge prevede che l’attestazione ISEE sia sottoposta a controlli per verificare la veridicità delle informazioni fornite.

L’Amministrazione Comunale ha adottato un Regolamento ISEE, ed ha in essere un’apposita convenzione con l’Agenzia delle Entrate.

Nel caso di accertamento di false dichiarazioni, si procederà a norma di legge, provvedendo altresì alla revoca ed al recupero del beneficio concesso, e di eventuali altre spese sostenute.

 

Pubblicato il 
Aggiornato il