VIBRAZIONI DI PACE E MEDITAZIONI AL SUONO DEL GONG - Comune di Castegnato

archivio notizie - Comune di Castegnato

VIBRAZIONI DI PACE E MEDITAZIONI AL SUONO DEL GONG

 
VIBRAZIONI DI PACE E MEDITAZIONI AL SUONO DEL GONG

Vibrazioni di pace e meditazioni al suono del gong

 

La coinvolgente esperienza promossa lo scorso anno tra l’associazione «Anch’io» e il Comune di Castegnato ha fatto vibrare tanta energia. Nel luogo dedicato alla memoria di un albero di cachi sopravvissuto al disastro atomico di Nagasaki, le vibrazioni del gong si sono unite a quelle del parco in cui dimora l’albero e dei cittadini che hanno partecipato alle serate. Da quel seme è sbocciato un progetto basato sulla possibilità di poter rivivere le stesse sensazioni in altri luoghi. Coinvolgendo nell’iniziativa l’associazione Kaki Tree Europe, sono stati individuate altre location che avessero lo stesso comune denominatore, già sensibili ad ospitare una pianta testimonial «Kaki Tree».

Dal 9 giugno al 2 ottobre «ViVi - Vibrazioni di Vita» si articolerà in sei eventi per ripetere l’esperienza delle vibrazioni di pace e dei bagni di gong.

Si inizia da Gussago, nella chiesa di San Rocco, mercoledì 9 giugno alle 20. Sarà poi la volta del Parco delle Conifere di Ome, venerdì 9 luglio alle 20, del giardino del Museo di Santa Giulia a Brescia, venerdì 6 agosto alle 18, del parco dell’Andrista di Cevo lunedi 9 agosto alle 20, e del parco delle Valle di Mompiano in città giovedì 9 settembre alle 19. Chiuderà il ciclo l’appuntamento al parco del Brolo di Castegnato sabato 2 ottobre alle 18, quando verrà celebrata anche la Giornata internazionale della Nonviolenza, promossa dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il gong è uno strumento di pace, e per questa peculiarità le sue vibrazioni si uniscono naturalmente al grande valore simbolico di un albero incredibilmente sopravvissuto ad un’esplosione nucleare. «ViVi» si propone di portare l’energia del gong nei luoghi dove dimorano i kaki tree coinvolgendo nel meeting energetico e nel messaggio di pace persone e territori.

Fonte: Bresciaoggi


Pubblicato il 
Aggiornato il